Archivi categoria: Benessere

RICORDI…QUELLI BELLI!

Un fulmine in una giornata di forte pioggiapuò essere, ma ricevere la notizia che te ne sei andato, non può essere è cosi violento e doloroso.

Ciao Giuseppe, ma per me da sempore Giù. Sei entrato nella mia vita che avevo 30 anni. Sei stato un’amore , bello, allegro, problematicoquanto basta. Ci siamo incontrati in un piano bar, tu bello come il sole, imprenditore affermato nell’azienda di tuo padre. Io donna sola , indipendente, che si affacciava al mondo manageriale, da poco avevo lsciato la sicurezza dell’azienda di famiglia pe le incertezze di un lavoro tutto mio. Da subito feeling, , attrazione e poi amore. I casi della vita. scoprimmo che i nostri padri erano amici da anni e che si frequentavano essendo entrambi membri di un’associazione imprenditoriale. Io scopro anche che non sei  un figlio di papà , lavori duro, ti impegni e tanto, ma ahinoi un figlio di mamma…un mammone incredibile. Quante risate quando tua madre cerrcava di sabotare i nostri weekend e allora noi…muti, sparivamo per tre giorni, al rientro erano cavoli tuoi, io vivevo già per conto mio e questo mi agevolava. Eri pieno di attenzioni , io lavoravo 12 ore al giorno, sempre in viaggio, e tu preoccupato per la mia salute, la mia alimentazione per questo al mio rientro mi facevi trovare la cena davanti alla porta di casa ordinata da te a un catering. Spesso era una cena per 4 persone e allora suonavo ai mei vicini il signor Ferrari e la signorina Giulia perchè mangiassero con me tutto quel ben di Dio. Il signor Ferrari alla terza cena mi minacciò, che non avrei mai dovuto litigare con te, ormai si stava beatamente abituando a quelle cene a 4 stelle…(caro signor Ferrari ho bellissimi ricordi di lei). Poi un giorno  Giù ti promisi che avrei mangiato in modo regolare e non solo capuccini in autogrill. Seguivi la mia carriere ed eri orgoglioso, sempre preziosi i tuoi consigli. Tutti i venerdi ovunque mi trovassi, passavi da casa , prendevi il borsone ( sempre pronto!)con i miei effetti personali  e mi raggiungevi. Siamo stati felici Giù, pazzi da legare, mia madre ti adorava e tu non gli facevi mai mancare rose e cesti di frutta. Ricordo un pomeriggio, ero in riunione,la segretaria mi passa una tua telefonata, eri sotto l’ufficio che mi stavi aspettando, anzi ci aspettavano a Riccione per una festa. Poco dopo scesi ti dissi di passare da casa per una doccia e cambiarmi, macchè prendesti l’autostrada ridendo come un matto. In autogrill dentifricio , spazzolino, in Viale Ceccarini mi coprasti un abito da sogno. Tutta la sera e la notte a piedi scalzi,perchè le scarpe non le trovammo, ma per te ero tremendamente sexy e bella vedermi  ballare e muovere con disinvoltura a piedi nudi…Al mattino colazione con paillettes  sul lungomare…eravamo felici insieme. Tuo padre mi ripeteva: ” sei la donna giusta per mio figlio!…Si , forse Giù, perchè tante volte ti riprendevo per il tuo eesere figlio unico  viziato, ti riprendevo quando ostentavi il macchinone…io ti amavo e ti adoravo per altro, tu questo lo sapevi , ma ti piaceva provocarmi e trascinarmi  in tremende discussioni . La nostra è stata una storia vissuta a 300 all’ora e cosi a un certo punto si è esaurita. Quando mi hai chiesto di sposarti io non ero pronta o ero andata oltre e ti ho detto NO! I primi sei mesi mi hai detestato in tutti i modi, mi hai fatto dannare Giù. Poi hai conosciuto una donna , vi siete sposati e dopo due anni eri di nuovo solo. Siamo sempre rimasti in contatto, una telefonata, un caffè, un consiglio, una risata….Quando in una giornata di giugno molti anni dopo ti ho presentato Marzio mio marito, lo hai guardato serio e gli hai detto:”Bravo, tu ce l’hai fatta! Trattamela bene sempre! ..e lo hai abbracciato. Marzio non lo ha mai dmenticato quell’abbraccio. Eri speciale Giù!

Una situazione che chiamano sincronicità ci ha unito per sempre. Mio padre era in fin di vita, tu mi chiamasti il venerdi sera per avere notizie. Il sabato mattina alle 5.45 il mio papà e il tuo per un infarto se ne sono andati insieme alla stessa ora. Siamo stati vicini sapendo l’amore immenso che ci legava  ai nostri padri che ci adoravano e ci amavano anche se la nostra storia d’amore era finita, ma mai conclusa sorretta da stima, fiducia affetto…tanto affetto.

Giù, oggi sono passata davanti alla tua azienda, ho suonato due volte il clacson per salutare te e il tuo papà.

Sapere che te ne sei andato, Giù è un dolore immenso, ma so che le nostre anime si incontreranno d nuovo. A presto e per sempre

Dany

NON DARGLI RETTA….

 

 

Ti diranno di non credere alle favole.

Di accontentarti.

Ti diranno che quello che cerchi è impossibile, ti diranno che non esiste la poesia, che non è vero che le canzoni si cantano in due, ti diranno che ad un certo punto sarai tu a doverti fare delle domande.

Ti diranno che pretendi troppo, che nella vita basta anche un amore piccolo, di quelli che trovi per caso e che decidi di tenere perchè ormaiil tempo stringe e abbiamo paura di rimanere soli.

Ti diranno che il problema sei tu.

Che ciò che cerchi esiste solo nei libri.

Ti diranno un sacco di altre cose…

Quello che voglio dirti è: non dargli retta!

Daniela Bonati B.

VALORE AUTENTICO

No, non è la mia nonna.
Ma la riconosco tutta la saggezza nel suo sguardo, tutta la bellezza di un volto antico, quasi secolare.
Quando dite: “E allora? Muoiono solo i vecchi” state parlando di persone come lei, con occhi sapienti colmi di tenerezza e morbidi capelli bianchi. State parlando di un luogo sicuro per i nipoti che non vedono l’ora di sentirsi stretti tra le braccia dei nonni. State parlando di una memoria che è una biblioteca senza eguali.
Questo abbiamo perso in Italia: migliaia di nonni in un solo anno.
E se li chiamate “vecchi” , permettetemi, non avete capito un cazzo. Io da sempre li chiamo RADICI!
Daniela B. B.

EVA 2.0…DICIAMOCELA TUTTA!

Eva accidenti a te, quanti danni hai fatto, per una mela poi……Un peccato? ..o forse no! In principio con Adamo fu amore  e poi? Eva per colpa tua non abbiamo trovato più pace, l’essenza di questo mondo dovevi essere tu….Brava ….brava…comodo farsi tentare, cedere e fare un casino che metà basta e voltare le spalle….Ma sappi che nonostante tutto ci siamo riuscite/i ad essere donnepersone…anche se molti/e non hanno ancora imparato a vivere felici…io mi sto applicando….

Riflessione…ma le mele fanno bene???…ehhhhhh come no???

Biancaneve si e’ avvelenata….Guglielmo Tell quasi ammazza il figlio…..Eva ci ha sputtanati…..Steve Jobs ci ha rincoglioniti….vedete un pò voi!!!

Noi donne siamo buffe, decidiamo di prendere in mano la nostra vita, di organizzarla su basi solide e poi…Ad ogni capodanno ci ritroviamo a esorcizzare la paura dell’ignoto sempre allo stesso modo: con una dieta e affidando la nostra vita all’oroscopo per l’anno che verrà! A questo punto non meravigliamoci care mie, se a Babbo Natale hanno dato splendide renne e alla Befana una vecchia scopa, se santa Lucia è cieca e se la Madonna è rimasta incinta per annunciazione. Babbo Natale invece  è un nonno a cinque stelle, occhialini d’oro, ben pasciuto, allegro, positivo, la Befana è l’esatto opposto di ciò che noi vorremmo essere, bruttina, magra magra, un viso che è uno spasso per un chirurgo estetico, e un abbigliamento da mandare in esaurimento nervoso qualsiasi stilista. Riflettiamoci, non siamo così ben rappresentate!

Per non parlare poi delle nostre lotte quotidiane: la solidarietà femminile! Ma per piacere…! Scusate ma la solidarietà non ha plurali o sesso, ce l’hai o non ce l’hai, al di là di chi ti trovi di fronte uomo, donna, bambino, animale. Poi l’ipocrisia e la perfidia è ciò che a noi donne piace di più, perché noi adoriamo farci la guerra, ammettiamolo…Ma quale solidarietà! Siamo in guerra con tutti e tutto da sempre. Per esempio i vestiti sempre troppo stretti, con lo specchio che vorremmo regolare perché abbiamo l’impressione che vada un po’ troppo avanti, più del nostro orologio (forse è per questo che noi donne siamo sempre in ritardo), è un conflitto che comincia davanti allo specchio e si ferma solo quando lo decidiamo noi e basta. Ci dedichiamo alle missioni impossibili: resistere all’assalto dei dolci, poi la resa, ci godiamo l’agognato “dolciastro” senza sensi di colpa, per poi accettare il paradosso che tre piccole fette di tiramisù non fanno ingrassare di tre etti, ma di almeno tre chili e qui comincia quella missione  proprio impossibile:…smal-ti-re! 

Vorremmo essere sempre al top per meritarci un Oscar per la miglior interpretazione di noi stesse, però spesso ci becchiamo quello di attrici non protagoniste.Dal mio punto di vista non esistono piccoli piaceri, così come non esistono cose per cui non vale la pena di lottare, perché la vita comunque è fatta di piccoli piaceri. I grandi piaceri giungono di rado, e se non cogliamo tutti quei minuscoli successi, credo che anche quelli grandi perdano di significato. Da quando ho cominciato la mia avventura lavorativa di ”donna in carriera”, (io preciso sempre: in corriera) i rapporti con le donne non sono stati più gli stessi. L’equilibrio si è rotto, il lavoro duro è stato ed è vedere le donne o le amiche non fare una piega se l’uomo ha una posizione lavorativa ottimale, ma non accettare che tu possa essere più brava di lei. E a quel punto i conti li ho cominciati a fare con gelosie, rivalse e rancori. Ma prima di tutto i conti li ho dovuti fare con me stessa, imparando a esercitare l’autorità autorevolmente, accettare le sfide come quelle di non replicare con indifferenza a questo  tipico atteggiamento femminile. Gli uomini con sorpresa, al contrario, si comportano in modo naturale, quasi spontaneo. Ho imparato a esercitare la mia femminilità non legandola all’aspetto seduttivo, ma alla capacità di mediare. Ho imparato che la sensibilità è un’arma vincente, e che può essere bello convivere con l’ isolamento, perché di vera solitudine si tratta, quella dettata dal potere che crea sempre distacco e differenze. Quando parlo del potere intendo soprattutto quello di una forte personalità, del coraggio delle proprie scelte e della consapevolezza di avere quella benedetta marcia in più. Lavorando in un ambiente dove la posta in gioco è spesso alta, ho imparato che il lavoro è come un gioco, ma “giocare” significa, prima di tutto, accettare l’esistenza della competizione. Ho imparato infine che si può e si deve trasformare la fatica in soddisfazioni, esprimendo la parte più vivace che è in noi. Detto così sembra un privilegio di pochi, ma io credo fermamente che tutti, uomini e donne, abbiamo una marcia in più, basta inserirla!

Noi donne dobbiamo smontare qualche SE…

SE le bambine vogliono essere principesse e i bambini astronauti…

SE la cameretta la deve mettere a posto lei…

SE la scienza e la matematica è roba da maschi…

SE il calcio è da ragazzi e la danza da ragazze ( in caso contrario o è lesbica o è gay)…

SE gli uomini veri non piangono…

SE l’istinto materno ce l’hanno tutte le donne…

SE stiamo ancora alle quote rosa…

SE guadagnare meno di un uomo è normale… (tranne che in politica)…

SE un uomo è ambizioso è un maschio Alfa e una donna ambiziosa è una stronza…

SE i padri sono bravi quando fanno i padri, le madri sono madri e basta…

SE una donna single a 50 anni è una zitella , un uomo single uno scapolo d’oro…

SE una over 40 con partner giovane è una cougar o milf …un over 40 con partner giovane è un figo…

SE la minigonna è una provocazione nel 2021….

SE ti chiamano figa di legno perché non ci stai e zoccola perché ci stai….mai una via di mezzo….

SE te la sei cercata…

SE NO significa SI…

SE la sua gelosia  è segno che ti ama…

SE pensi che ti ama perché ti picchia…

SE sei convinta che cambierà…

SE  ti senti colpevole  se qualcuno ti molesta….

SE  ti azzera l’ autostima, ma non lo lasci….

SE accetti le avance perché non sai come uscirne…

SE ti scoraggiano dal denunciare….

SE pensi che al colloquio può esserti utile una scollatura…

SE ti senti in colpa  quando torni tardi dall’ufficio…

SE non riesci a fare tutto e pensi di non essere capace…

SE fai fatica a chiedere aiuto….

SE devi scegliere tra carriera e famiglia…

SE l’orologio biologico esiste solo per te….

SE prendere l’autobus dopo le nove di sera è rischioso…

SE gliela devi dare perché “ funziona cosi”….

SE anche tu dividi il mondo tra le facili e le serie…

Beh…. Per smontare tutti questi SE la soluzione c’è …..cominciamo a smontarli uno alla volta con un SI o con un NO…a te la scelta!

Perché ci vuol coraggio a ridere di gusto di fronte a questa vita, ci vuole forza per scartare il negativo e portar dentro solo il meglio, conservare solo l’essenza della gioia. E quel coraggio statene pur certi ce l’abbiamo dentro, è tutta una questione di scelta!

Daniela Bonati B.

CERVELLO A PIEDE LIBERO

 

 

Si, sono una donna felice, una persona felice…ho studiato Psicologia “ cognitiva” , “ comportamentistica”, “umanistica”, “ del Se di Rogers”, “olistico dinamica”…ho cercato in tutte le maniere, di tradurre facile pratica i concetti psicologici e filosofici di cui mi sono servita…….ma………Cavoli come sarò felice quando qualcuno mi dirà” Non pensavo che la psicologia della felicità fosse tanto semplice”….

Lo scopo della vita o meglio cos’è la vita?

Una breve parentesi tra la nascita e la morte?

Un attimo tra due eternità?

Una fugace sosta sulla terra in attesa del regno dei cieli?

Cosa significa vivere?

Dedicare il proprio tempo e le proprie energie al guadagno? Al successo? Alla realizzazione di una vita onesta? Di un nobile scopo?

Vedete tutte le risposte sono buone , filosofiche, religiose, morali, materialiste…tutte…purché comprendano una parola , breve, semplice . FELICE!

Vivere è ….vivere felici!

Più si è felici, più si è vivi. Meno si è  felici, meno si è vivi. La felicità rende sana la vita, L’infelicità la rende malata….No, non è difficile, vivere felici è facile più di quanto immaginate.

La vita non è difficile né facile…è neutra.

Siamo noi spesso a renderla difficile.

La vita non è bella né brutta…. è neutra.

Siamo noi spesso a renderla poco bella.

La vita ci offre un’infinità di gioie, siamo spesso noi a non saperle cogliere…

Al diavolo oggi si ci impegna su tutto ..tranne nella cosa più importante: essere felici!

Trovate allora più tempo da dedicare a voi stessi, abbiate l’arte di vivere ogni giorno tutto  inventato, tutto da vivere, tutto da godere, si perché ogni giorno in cui ci alziamo , facciamo colazione è un nuovo giorno tutto nostro e credetemi possiamo noi fare ciò che vogliamo della nostra vita, siamo i soggettisti, i protagonisti, i registi. La vita è fatta di tanti giorni da inventare, da vivere, da godere…..forza alzatevi dalla poltrona in prima fila e salite sul palcoscenico della vostra vita. Diventate protagonisti, soggettisti e registi  dei vostri giorni! E non preoccupatevi se qualche giorno sarà un fiasco e tantissimi altri un successo…non drammatizzate se non riuscirete a vincere l’Oscar della vita.

Sono altre le cose importanti: la buona volontà, impegno, costanza, un pizzico di creatività e tanto tanto amore. Allora si che la tua opera, la tua vita, sarà un capolavoro, allora si che sarai felice anche se non dovesse riuscirti bene, anche se non dovesse piacere….Difendete la vostra felicità!!!

Volete  fare una cosa FELICITEVOLE??? ( adoro inventare parole nuove)

Primo : Imparate a vivere len…ta…me…nte

Secondo: apprezzate ciò che già avete

Terzo. Oggi dovete essere di buon umore …per tutto il giorno, perché? Perché siete vivi…

Quarto :  Ha tanto chi sa apprezzare il poco che ha….ha poco chi non sa apprezzare il tanto che ha!

 

 

Poi amatevi, abbiate quella dose che non basta mai di autostima, accettate i vostri errori e pensate subito con energia ad affrontare una nuova situazione….Perdonateviii !!! Sbagliare è umano, guai se non si sbagliasse, solo Dio non sbaglia. Sei Dio?

Ogni persona felice è produttiva. Pensiamo che il lavoro debba essere faticoso, ma i grandi risultati sono legati a piacere, passione, non al dovere. Nessun Premio Nobel ha scoperto qualcosa perché “doveva”, perché gli è toccato fare quel lavoro con il talento della passione.

Al diavolo i miei dubbi, al diavolo la mia inquietudine, al diavolo le stupide, tacite leggi che gli attori devono rispettare.  La felicità ha tanti volti, e può darsi che la mia non sia pura felicità, però una cosa è certa: io sono sempre di buon umore  e avverto spessissimo serenità, contentezza, allegria e gioia di vivere, certo mi arrabbio, mi infastidisco, sono di cattivo umore, ma questo mi accade raramente…molto raramente…siamo tutti unici  e sono cosciente della relatività di tutte le cose, per cui non ho pretesa di insegnare niente a nessuno .

E’ stato bello comunicare con voi e mi auguro che qualche briciola di parola sia rimasta nel vostro cuore .

E’ bellissimo , fantastico, Meraviglioso voler bene per la gioia di voler bene!….Ciao!

Buona vita

Daniela Bonati B.

DONNA……QUESTIONE DI SCELTE…

 

Noi donne dobbiamo smontare qualche SE…

SE le bambine vogliono essere principesse e i bambini astronauti…

SE la cameretta la deve mettere a posto lei…

SE la scienza e la matematica è roba da maschi…

SE il calcio è da ragazzi e la danza da ragazze ( in caso contrario o è lesbica o è gay)…

SE gli uomini veri non piangono…

SE l’istinto materno ce l’hanno tutte le donne…

SE stiamo ancora alle quote rosa…

SE guadagnare meno di un uomo è normale… (tranne che in politica)…

SE un uomo è ambizioso è un maschio Alfa e una donna ambiziosa è una stronza…

SE i padri sono bravi quando fanno i padri, le madri sono madri e basta…

SE una donna single a 50 anni è una zitella , un uomo single uno scapolo d’oro…

SE una over 40 con partner giovane è una cougar o milf …un over 40 con partner giovane è un figo…

SE la minigonna è una provocazione nel 2020….

SE ti chiamano figa di legno perché non ci stai e zoccola perché ci stai….mai una via di mezzo….

SE te la sei cercata…

SE NO significa SI…

SE la sua gelosia  è segno che ti ama…

SE pensi che ti ama perché ti picchia…

SE sei convinta che cambierà…

SE  ti senti colpevole  se qualcuno ti molesta….

SE  ti azzera l’ autostima, ma non lo lasci….

SE accetti le avance perché non sai come uscirne…

SE ti scoraggiano dal denunciare….

SE pensi che al colloquio può esserti utile una scollatura…

SE ti senti in colpa  quando torni tardi dall’ufficio…

SE non riesci a fare tutto e pensi di non essere capace…

SE fai fatica a chiedere aiuto….

SE devi scegliere tra carriera e famiglia…

SE l’orologio biologico esiste solo per te….

SE prendere l’autobus dopo le nove di sera è rischioso…

SE gliela devi dare perché “ funziona cosi”….

SE anche tu dividi il mondo tra le facili e le serie…

Beh…. Per smontare tutti questi SE la soluzione c’è …..cominciamo a smontarli uno alla volta con un SI o con un NO…a te la scelta!

Perché ci vuol coraggio a ridere di gusto di fronte a questa vita, ci vuole forza per scartare il negativo e portar dentro solo il meglio, conservare solo l’essenza della gioia. E quel coraggio statene pur certi ce l’abbiamo dentro, è tutta una questione di scelta!

 

Buona Vita!

Daniela Bonati

 

 

OGNI ATTIMO ….

 

Io sono quella che  non ama le mezze misure, non sopporto la gente paranoica e soprattutto non tollero le prese in giro, l’invidia. Io sono quella che sfida anche se stessa, quella che lotta, ma anche quella che “piange” quando gli altri sorridono. Io sono quella ribelle perché la vita ha scelto troppe volte per me e anche tanto da farmi capire che questa mia vita la devo vivere con il coltello fra i denti da vera guerriera….Sono quella che non se la prende con l’amore, lui non mi ha fatto niente, sono piuttosto i “tramiti” le persone che mi hanno fatto soffrire e poi sapete una cosa nemmeno con loro me la prendo, non sanno cosa si sono persi…. Perché non ho tempo. In effetti non tempo mai. Ogni attimo è divenire. Ogni momento passato non sarà mai come quello successivo. Non ho tempo. Non ne ho. Non ne voglio avere .Perdo soldi e ho solo perso i soldi, ma se perdo tempo , ho  perso una parte della mia vita.

BUONA VITA

Daniela Bonati

LA CREAZIONE…forse andò cosi!

Un sabato di tanto, tanto tempo fa , il Padre Eterno era stanco e agitato, nei giorni precedenti aveva creato la Luna , il Sole, la Luce e poi tutte le stelle, i mari , le terre , i pianeti, gli alberi , i fiori . La fatica era stata davvero tanta e proprio quel giorno , l’ultimo, prima del meritato riposo domenicale, l’aveva riservato per creare qualcosa che gli assomigliasse, un pò per dare il marchio della qualità della propria produzione…un pò per lo spririto narcisistico, come oggi capita a quei pittori che tra folle di battaglie o assembramenti famigliari, ti piazzano il loro autoritratto in veste da guerriero o da giullare. Giaà LUI che aveva dato forme a tante creature, non si riconosceva e tantomeno degni di rappresentarlo tanto  era la farfalla che il rinoceronte…in verità nessuno gli assomigliava molto.

Anch’io , anche voi, saremmo stati stanchi seccati alla fine di una settimana di grande lavoro…e che settimana! LUI più educato di noi, non si lamentò…borbottò:

“Sempre cosi capita proprio all’ultimo giorno i lavori più impegnativi, dovrò finirlo domani e portarmi il lavoro a casa e cosi addio derby Inferno-Paradiso”

… mentre nella mano sfuncugliava una pallottola di fango. Si fermò la guardò e con grande meraviglia vide che per caso aveva modellato qualcosa di più delle altre creature….gli assomigliava1…Con grande fervore continuò l’opera fino a che vinto dalla stanchezza prima di completarla fu sopraffatto dal sonno. Era una statuetta di fango similissima a LUI , mancante di un particolare…Il primo sospiro di sonno la animò e la mano allento la presa, la statuetta ruzzolò per terra o meglio nell’Eden…E fu la creazione della Donna!

Buona vita
Daniela B.

NOTTI DELLE STELLE CADENTI

Le notti delle stelle cadenti “Sono notti interessanti” … notti in cui il mondo è inflazionato di “richieste”…del resto la prassi dice…: “quando una stella cade bisogna esprimere un desiderio..”Semplice no? ..Facile.. lo possono fare tutti….una volta ho scritto “ma cosa ti rimane di una stella che poi cade in fondo tutto resta uguale..” ebbene ne resto convinta…tutto resta uguale se uno si limita a guardarla cadere…

Se uno l’unico sforzo che fa è sognare che tutto possa cambiare…

Se uno dopo se ne dimentica di quell’attimo in cui vorrebbe magari una vita diversa….

Se uno “lascia che sia” e si affida al destino…..

Se uno magari quello che vuole lo dice distrattamente…

Se uno dopo abbassa lo sguardo e pensa che tanto “non è destinato a…..”…

Se uno si limita a GUARDARE……

già, tutti sono capaci di GUARDARE ….ma quanti sono disposti a DARSI DA FARE?…

Quindi quella stella fidati, non farla neanche cadere….prendila prima, bloccala prima che se ne sia andata per sempre. Non accontentarti di un attimo di speranza, prenditi tutta la tua VITA!!!

Buona vita!!!

Daniela Bonati